Qui i risultati del contest

Vota la tua Carbonara preferita
Vota la tua Amatriciana preferita
Vota la tua Cacio e Pepe preferita

E così dopo esserci messi tutti insieme in moto per scegliere il gelato, il cornetto e i supplì più amati…tocca a dei must della cucina romana: l’ambizione è alta…scovare il trio Carbonara, Amatriciana, Cacio e Pepe più popolare tra voi lettori! Protagoniste solo le versioni perlopiù tradizionali, lasciamo a casa per ora quelle più innovative e gourmet.
Al solito nessuna intenzione di stilare classifiche o liste “assolute”, ce ne sono già tante in giro tra web e carta stampata (vedi le recenti di Giacomo A. Dente sul Messaggero), ma solo desiderio sfrenato di mettere insieme i vostri nomi preferiti, com’è che li chiamavamo…ah si i web-popular! Anche se riguardo le liste di cui sopra, vi possiamo sinceramente dire la nostra? Quelle che si scovano in giro – proprio a volerle prendere a riferimento –  un po’ sono vecchie, e un po’ non ci soddisfano appieno tra citazioni di intrusi e non citazioni di grandi assenti. E dunque parola a tutti voi con un nuovo contest, speriamo di soddisfazione…e poi lo ammettiamo, in fondo un po’ i sondaggi ci mancavano!

Per l’occasione abbiamo scomodato anche  la mitica burroealici – che ringraziamo di cuore – per farci brevemente svelare i segreti di un buon trio, udite udite dalla sua viva “penna”:

“Diciamolo, le paste romane sono semplici e tutti pensano di poterle fare… ERRORE! Non sono paste facili, e io, da brava dittatrice, non transigo su certe regole che sono LE regole.
Non fatemi sentire il parmigiano sulla carbonara, non fatemi vedere l’olio sulla cacio e pepe e, per carità, non penserete che nell’amatriciana si possa mettere la pancetta!!!
Per sapere che state mangiando delle ottime paste dovete notare alcune cose, prima tra tutte il fatto che la pasta deve essere al dente, ma al dente davvero!

La CARBONARA deve avere una salsina gialla perfettamente cremosa (niente filamenti “frittatosi” né tantomeno salse disgustosamente lente), dovrebbe essere preparata con il guanciale (ma se la pancetta è buona posso soprassedere) e deve essere condita con pepe e pecorino. Soprattutto, una buona carbonara è buona fino alla fine: se, arrivati agli ultimi bocconi, dovesse essere secca e difficile da mandare giù, significa che non era poi così buona (o che mangiate davvero troppo lentamente!). Che siano spaghetti o rigatoni poco importa, sempre buona resta!!
Ps: non dico nulla riguardo l’aggiunta di panna o burro o cipolle o altro perché, per quanto mi riguarda, non si tratterebbe più di Carbonara.

Per l’AMATRICIANA non ci sono dubbi: è il guanciale che rende questo capolavoro degno del suo nome! Il guanciale (pancetta mai, è imperativo!) deve essere tagliato a striscioline (non a dadini) in modo che ogni pezzo abbia parte magra e parte grassa. Se il guanciale fosse duro è segno che nella rosolatura o si è lessato o si è bruciacchiato! Male. Molti ristoranti preparano l’amatriciana con i rigatoni… si può fare ma spaghettoni o bucatini sono “la morte sua”. Anche per l’amatriciana è d’obbligo il pecorino, un pochino di peperoncino (non deve essere piccante, serve solo a dare un po’ di sapore) e fate attenzione al sugo: se non ha pezzetti di pomodoro è fatto con la passata che non è permessa!

La CACIO E PEPE è la più povera di tutte le paste e, per me, la più gustosa. Spaghetti (o rigatoni, vabbè…), pecorino e tanto pepe. Niente olio, niente di niente. Molti ristoranti usano l’olio per evitare che la pasta, prelessata, si incolli, ma la vera cacio e pepe prevede solo l’uso dell’acqua di cottura per creare la cremina di pecorino ed è, quindi, necessario, preparare tutto espresso, anche la pasta. Il pecorino deve essere di ottima qualità e di lunga stagionatura… Attenzione: se sul fondo del piatto trovate il pecorino addensato e che “fila” non ci siamo proprio! Evidentemente il pecorino usato è troppo poco stagionato ed è stata aggiunta acqua tutta insieme e in malo modo. Una buona cacio e pepe, infatti, deve essere la perfetta fusione del pecorino con l’acqua di cottura che, formando una salsa cremosa, ricopre la pasta rivestendola di un bianco (a pois neri) vellutato. Unica raccomandazione: questa pasta va mangiata piuttosto velocemente, la cremina non resiste per molto!”

E dopo questa bella “lezioncina” – o ripassino per i più semmai ne avessero avuto bisogno – la curiosità è ancora più straripante, almeno per noi: riuscirà un solo nome a risultare l’interprete vincente del trio? O ad ognuno la sua pasta romana? Chissà…

Basta allora girarci intorno…dicci la tua!
Per votare SELEZIONA il tuo locale preferito per la Carbonara, per l’Amatriciana e per la Cacio & pepe – in ciascuna delle tre liste – E PREMI IL PULSANTE “VOTE” IN FONDO AGLI ELENCHI oppure – solo se il tuo preferito non è citato  – aggiungi il nome del posto in un commento. La votazione è aperta fino a lunedì 15 ottobre ore 24:00.
Per dettagli vedi sotto “Come si vota?”.

VOTA LA TUA CARBONARA PREFERITA

Torna su

VOTA LA TUA AMATRICIANA PREFERITA 

 

Torna su

VOTA LA TUA CACIO E PEPE PREFERITA

* Locale con articolo pubblicato sul blog
Torna su

Come si vota?
Votare è semplicissimo e si può fare anche senza essere iscritti al blog: scegli i tuoi locali preferiti – per Carbonara, Amatriciana e Cacio&Pepe – dagli elenchi dei 12  “papabili” per categoria da noi selezionati sulla base della popolarità e dei nostri gusti, oppure – se non lo trovi in lista – scrivi il nome dei tuoi preferiti in un commento.
In questa occasione i commenti dovranno essere usati solo per segnalare un locale da aggiungere (riportando nome del locale e possibilmente indirizzo) e non saranno presi in considerazione nè pubblicati commenti con contenuti diversi. Ogni commento sarà conteggiato come un voto e concorrerà alla classifica finale che pubblicheremo alla chiusura del sondaggio.
Ricordiamo che per inserire un commento è necessario riportare un indirizzo email valido, che non sarà reso pubblico.

Cosa si vince?
Semplicemente una lista “popolare” di Carbonara-Amatriciana-Cacio&Pepe di Roma più amati. Potrai così dire di conoscere un po’ di più la Capitale…e perché no magari divertirti nel partecipare e nel seguire l’andamento dei risultati.
E chissà che  il vincitore non voglia omaggiare in qualche modo chi partecipa, così come avvenuto per il Gelato, per il Cornetto …

Vi aspettiamo numerosi!
Seguiteci sui social facebook, twitter e friendfeed per sapere come vanno le votazioni e al termine del contest pubblicheremo sul blog un post con tutti i risultati.

* Immagini realizzate da ziofrankie e Tavole Romane, pubblicate sotto una Licenza Creative Commons