Categoria: S. Giovanni – Cinecittà

Fermentum – pizza all’Acquedotto

È su una affascinante linea di confini urbani che lo chalet di Fermentum ha messo le radici: da un lato gli edifici metropolitani del Quadraro, dall’altro l’evocativo Parco degli Acquedotti che lascia sempre senza fiato, con la sua “schiena dritta” da migliaia di anni a rappresentar la forza, la potenza, la lungimiranza di chi Roma l’ha fatta, l’ha resa gloriosa e ce l’ha consegnata per perpetuarne la fama… e le generazioni a venire evidentemente hanno più sciupato che costruito, ma questa è un’altra storia. Perdonate ma il tema un certo “Fermentum” appunto ce lo suscita. Tornando al posto, alla...

Leggi tutto

Nuove aperture per mangiare a Roma – cosa succede in città!

Uno, due, tre…venti o forse più! Questo è il numero di nuove aperture o avvenuti rinnovi che contiamo, negli ultimi mesi del 2013 e in queste prime settimane del 2014, tra fonti web, passaparola e nuove insegne intercettate nei quartieri in giro per la città. Non c’è che dire, continua il fermento romano nella ristorazione che se da una parte miete inevitabilmente nuove vittime che abbassano serranda, dall’altra miete anche nuove gestioni. E se da un lato non possiamo che rallegrarci per il nuovo (le aperture non saranno tutte encomiabili ma qualche buona new entry che incontra i nostri gusti c’è!)...

Leggi tutto

SpassoFood in zona Appia – lo streetfood ha un nuovo passo?

Si, sembra proprio così. Questo nuovo concept – ideato e fortemente voluto da Federico Iavicoli – può introdurre a nostro avviso un nuovo street food trend romano. E così dopo pizza a taglio, pizza da forno, supplì, filetti, fritti vari, panini gourmet in negozio e da food truck (di questi ultimi ne parleremo presto a parte) e trapizzino, che aveva già innovato il corso qualche tempo fa, ecco difatti anche i romanissimi piatti cucinati,  in versione passeggio. Scommettiamo oltretutto che avranno presto gemelli, “originali” ed inevitabilmente copie (belle e brutte). Lo sfondo è quello dell’Appia Nuova, quasi angolo Re di Roma dove...

Leggi tutto

Osteria del Velodromo Vecchio – tradizione romana all’Appio Tuscolano

E così dopo la pausa di agosto eccoci di nuovo alle tastiere per una nuova e  speriamo promettente stagione gastronomica romana. La ripartenza “vera”, fatta salva una parentesi di qualche giorno fa dedicata agli eventi food&wine&beer di questo Settembre, la affidiamo – in attesa di provare novità interessanti appunto – a uno storico indirizzo romano, l’Osteria del Velodromo Vecchio.  La zona è quella dell’Appio-Tuscolano, come il titolo del post ha già svelato. Lo sfondo quello del classico incrocio tra strade di quartiere – un popoloso quartiere – giusto tra alti palazzi alternati a qualche “fratello” minore che resiste e, diciamolo, rende a tratti meno metropolitana l’aria. Un piccolo cortile fronte marciapiede, dove cancello e piante proteggono un 10-15 coperti, e subito dietro l’ingresso verso gli ambienti interni dell’osteria. E dai toni si intuisce subito che tutto continua a sapere di classico e tradizione da un po’. Lo conferma lo chef Matteo Ballarini – o forse meglio l’oste – che ci accoglie elencando quanto poi giungerà puntualmente in tavola. Antipasti misti con bruschette di pane casereccio, golosi peperoncini ripieni di capperi e acciughe, frittata di patate e salsa, salumi e formaggi presidio slowfood,  melanzane marinate… e un ottimo burro e alici rivisitato, indovinate un po’?!…con peperoni! A seguire Gnocchi (di giovedì è impossibile resistere!) al pomodoro di discreta consistenza, anche se ci aspettavamo qualcosa in più. Una Gricia, insolitamente con aglio che a essere sinceri qualche...

Leggi tutto

Tavole Romane, tutto il Buono di Roma

Registrati

Inserisci la tua email per registrarti e rimanere aggiornato sui nostri nuovi contenuti! Quando vorrai potrai revocare l'iscrizione.

Cinguettiamo

Video

Loading...

Google Translate

Pin It on Pinterest